le premiate – 2009

[one_half position=””]

DONNE E GIUSTIZIA
Livia Pomodoro
Motivazione: Per aver ricoperto nella sua brillante carriera, ruoli di prestigio e grande responsabilità, ottenendo eccellenti risultati, unanimemente riconosciuti, fino a rivestire, prima donna in Italia, la carica di Presidente del Tribunale di Milano.

Manuela Romei Pasetti
Motivazione: Per aver conquistato il prestigioso incarico di Presidente della Corte di appello di Venezia, prima donna a rivestire tale ruolo apicale in Italia, dopo aver diretto nella sua carriera delicate indagini anche su vicende di stampo terroristico.

Augusta Iannini
Motivazione: Per aver conseguito un ruolo di grande responsabilità al vertice dell’amministrazione giudiziaria dopo aver indossato con passione, rigore e competenza la toga di magistrato in un universo a maggioranza maschile.

Annamaria Palma Guarnier
Motivazione:  Per essere arrivata ai vertici di diverse Procure, prima donna con funzioni di Procuratore Aggiunto presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, consulente del Ministero dell’Interno e oggi coordinatrice degli uffici della Presidenza del Senato.

Paola Severino
Motivazione: Per aver esercitato la professione forense e l’insegnamento universitario con impegno e dedizione tali da essere considerata tra le prime penaliste italiane, ricoprendo oggi anche il prestigioso ruolo di Vice Rettore della LUISS.

Paola Balducci
Motivazione: Per essersi impegnata in prima linea nella difesa dei diritti civili e dell’ambiente sia come avvocato penalista e docente universitario, sia come parlamentare, partecipando anche alla revisione del Nuovo Codice di Procedura Penale.

PREMIO SPECIALE PER L’IMPEGNO CIVILE E SOCIALE

Raffaella Leone
Motivazione: Per aver saputo coniugare efficienza di impresa e finalità sociali nel rispetto dei diritti umani, della valorizzazione della persona, della cooperazione, facendosi promotrice di iniziative di solidarietà soprattutto all’estero, a sostegno delle persone più svantaggiate e vulnerabili.

Titti Postiglione
Motivazione: Per la capacità dimostrata sul campo nel risolvere emergenze e offrire supporto alla cittadinanza con sensibilità e dedizione, dimostrando competenza e professionalità nella gestione delle situazioni più complesse e delicate dal punto di vista umano e sociale.

Rangina Hamidi
Motivazione: Per il suo impegno nella costruzione di una società più giusta, per il coraggio e la determinazione con cui porta avanti un progetto ideato per promuovere i diritti, le opportunità e la qualità della vita delle donne afghane, per renderle autrici del proprio destino.

PREMIO SPECIALE PER L’IMPEGNO RELIGIOSO

Suor Giuliana Bragantini
Motivazione: Per la profonda dedizione che da oltre quarant’anni dedica alle fragilità umane e per l’amore che quotidianamente offre a coloro che vivono l’esperienza carceraria.

SEZIONE LAUREATE IN INGNEGNERIA GESTIONALE

Luisa Hong Yan Sun – Margherita Cecconi – Francesca Ricci Bitti
Motivazione: Per l’eccellente curriculum accademico, le prestigiose esperienze internazionali e l’impegno dimostrato nel raggiungimento degli obiettivi prefissati, testimoniando nel proprio settore le caratteristiche distintive dell’universo femminile.

 

PREMIO INTERNAZIONALE

Josette Sheeran
Motivazione: Per la grande capacità dimostrata nel ricoprire un ruolo di vertice nel Programma Alimentare Mondiale, la più grande agenzia umanitaria del mondo. Le sue spiccate doti di manager sono un punto fermo nella gestione di questioni importanti e delicate come la fame nel mondo, lo sviluppo globale, gli aiuti internazionali.

 

GERMOGLIO D’ORO

Angela Marcello
Motivazione: Per il delicato ruolo che ricopre con impegno e passione alla direzione dell’Istituto a custodia attenuata di Laureana di Borrello, un progetto innovativo di recupero e reinserimento sociale di giovani condannati; un carcere-scuola di vita per sfidare la cultura della violenza nella sua culla.

[/one_half] [one_half  position=”last”]  [/one_half]

——————————————————————————————————————————————

indietro